Terzo Valico: accordo per 50 nuove assunzioni

0

terzo valicoCinquanta nuove assunzioni entro giugno da parte di Cociv per i lavoro di realizzazione del terzo valico: è questo il risultato del recente incontro tra i rappresentanti della Regione Liguria, il commissario straordinario per la realizzazione dell’opera Iolanda Romano, Cociv appunto, le organizzazioni sindacali, Asl, Arpal e Rfi. Ecco cosa c’è da sapere.

ACCORDO IN MATERIA DI SICUREZZA

Uno dei temi principali dell’incontro è stato il problema della sicurezza sui cantieri che nei giorni scorsi aveva determinato l’apertura dello stato di agitazione e numerose giornate di sciopero. Con l’accordo preso, Cociv si impegna a garantire una maggiore della tutela della salute e sicurezza, con una serie di impegni stabiliti in materia di condivisione delle procedure ed organizzazione del lavoro. L’accordo prevede inoltre miglioramenti anche sul tema salariale, in particolare in materia di premio di produzione e di rimborso spese trasferta.

ASSUNZIONI ENTRO GIUGNO

Cociv si impegna quindi ad effettuare 50 nuove assunzioni entro il mese di giugno, per la grande soddisfazione dei sindacati. Sicurezza, salute e occupazione stanno finalmente poste al centro dell’attenzione dei soggetti coinvolti nella realizzazione dell’opera. Le assunzioni partiranno quindi molto a breve e riguarderanno principalmente operai da destinare ai cantieri di realizzazione dell’imponente opera.

L’OPERA

Il Terzo Valico è una nuova linea ad alta capacità veloce che una volta in funzione, permetterà di potenziare i collegamenti del sistema portuale ligure con le principali linee ferroviarie del Nord Italia e con il resto d’Europa. L’opera consentirà di trasferire quote consistenti di traffico merci dalla strada alla rotaia, in alternativa “dai camion al treno”, con vantaggi per l’ambiente, la sicurezza e il sociale.

La nuova linea del Terzo Valico si sviluppa complessivamente per 53 km, di cui 37 km in galleria, ed interessa 12 comuni delle province di Genova e Alessandria. La nuova linea sarà collegata a Sud, tramite l’interconnessione di Voltri ed il Bivio Fegino, con gli impianti ferroviari del nodo di Genova, mentre a Nord, dalla piana di Novi Ligure, il tracciato si collega alle linee esistenti Genova-Torino e alla Tortona-Piacenza.

Leave A Reply