Sardegna: Huawei sbarca a Pula nel Parco tecnologico

0

huaweiUna nuova multinazionale tecnologica è pronta a sbarcare in Sardegna: Huawei ha annunciato l’intenzione di aprire una sede hi-tech a Pula, con un’investimento di alcune decine di milioni di euro. Il terzo produttore di smartphone al mondo lavorerà sulle Smart Cities grazie ad un’accordo con la Regione Sardegna e il CRS4 fondato da Carlo Rubbia. Ecco cosa c’è da sapere.

IL NUOVO CENTRO TECNOLOGICO HUAWEI

Il colosso cinese degli smartphone Huawei, ha quindi stretto un’accordo con la Regione Sardegna per sviluppare progetti di ricerca sulle Smart Cities. A proporre soluzioni per rendere le città più intelligenti, sarà il famoso Centro di Ricerca e Sviluppo in Sardegna (CRS4), fondato dal Premio Nobel Carlo Rubbia nel 1990, in collegamento diretto con gli ingegneri Huawei in Cina.

Il nuovo polo tecnologico di Pula incentrerà l’attività sulla sperimentazione di soluzioni in diversi ambiti come la distribuzione organizzata di sensori, lo sviluppo di soluzioni tra cui 5G ed LTE, la mobilità, il cloud e la gestione dei dati generati per misurare fenomeni come traffico e inquinamento; il tutto al fine di migliorare la qualità della vita e rendere le città più intelligenti e sicure.

PERCHE’ IL PARCO DI PULA?

Perché  ha scelto Cagliati e il Parco di Pula? Il motivi li ha spiegati direttamente Alessandro Cozzi, direttore Enterprise Business in Huawei Italia: in Sardegna ci sono operatori di telecomunicazioni, startup significative, università, una rete di cablaggio tra le più efficienti in Italia, e un sistema di trasporti pubblico certificato a livello europeo. La Sardegna inoltre ha dimostrato una sensibilità verso la ricerca tecnologica che altre realtà non hanno avuto; ecco il perchè della scelta sul territorio sardo.

RISVOLTI OCCUPAZIONALI

Il tessuto dell’ICT sardo e italiano si arricchisce di un nuovo partner di livello internazionale; tutti avrà con molta probabilità ricadute posizioni anche nel mondo del lavoro, con nuove opportunità d’impiego che certamente nasceranno nel settore tecnologico. L’ambito ICT è tra i settori che ogni anno offrono il maggior numero di posti di lavoro, anche grazie alla nascita di nuove professionalità e alla richiesta di figure sempre più preparate ed aggiornate alle nuove evoluzioni tecnologiche.

Leave A Reply