Philip Morris a Crespellano: lavori in corso e assunzioni

0

philip morrisLa realizzazione del nuovo stabilimento produttivo Philip Morris a Crespellano continua secondo i programmi. L’impianto sarà totalmente operativo a inizio 2016 ed offrirà interessanti nuove opportunità di lavoro, che porteranno l’impianto ad impiegare circa 600 persone.

Philip Morris: nuova denominazione e punto sui lavori

Mentre i lavori a Crespellano si fanno sempre più intensi per il completamento dello stabilimento nei tempi stabiliti, Intertaba Spa, l’affiliata bolognese del gruppo Philip Morris International, ha appena cambiato nome in “Philip Morris Manufacturing & Technology Bologna spa“. La nuova ragione sociale comprenderà quindi oltre alla storica fabbrica di filtri per sigarette di Zola Pedrosa, anche il nuovo stabilimento di Crespellano realizzato grazie ad un’investimento di circa 500 milioni di euro.

Oltre il 90% delle imprese selezionate per la costruzione dello stabilimento provengono dal territorio Italiano, con gli edifici che sono ormai in fase di rifinitura. Il 90% dei macchinari previsti per il 2015 sono già installati e in fase di qualifica, mentre l’edificio amministrativo che conterrà uffici, ristorante aziendale, palestra per il personale e sale conferenze, sarà ultimato entro la prima metà del 2016.

Ricordiamo che proprio in questo nuovo impianto verranno prodotte le nuove sigarette basate sul riscaldamento anzichè sulla combustione, autentica novità in fase di test a Milano e in Giappone che rappresenta al meglio l’attenzione del gruppo verso lo sviluppo di tecnologie produttive innovative.

Come candidarsi alle assunzioni

Le assunzioni Philip Morris per il nuovo stabilimento di Crespellano continueranno nei prossimi mesi e nel 2016. Per candidarsi ai posti di lavoro disponibili e quelli che verranno resi pubblici prossimamente è necessario collegarsi alla sezione dedicata alle opportunità di carriera del sito web del gruppo, da cui è possibile registrarsi alle offerte di lavoro di Philip Morris.

Share.

Leave A Reply