Lavori creativi: reinventarsi come Wedding Planner

0

wedding plannerAvete grande creatività e siete alla ricerca di un lavoro? In periodo di crisi sapersi reinventare può rivelarsi fondamentale per crearsi una valida alternativa ai lavoro “tradizionali”. Tra i cosiddetti lavori creativi, quelli con cui si può guadagnare bene facendo ciò che si è sempre sognato o per cui si è portati, c’è certamente il/la Wedding Planner, una professione in grande crescita. Ecco per voi maggiori informazioni per lavorare come WP di successo.

Come diventare Wedding Planner

Organizzare un matrimonio può essere più impegnativo di quello che si pensi e spesso è fonte di grande stress per i futuri sposi. Da alcuni anni è arrivata in Italia la figura della Wedding Planner, cioè quella professionista che aiuta gli sposi ad organizzare ogni aspetto del proprio matrimonio. Ma come si diventa Wedding Planner?

Corsi per Wedding Planner

In Italia non esiste un’albo per Wedding Planner ne tanto meno l’obbligo di frequentare dei corsi, è fondamentale ovviamente avere una partita Iva il cui codice Istat di riferimento è  96.09.05 “Organizzazione di feste e cerimonie”. Ovviamente nonostante non ci siano obblighi di legge, frequentare un’apposito corso di preparazione alla professione è sicuramente consigliato.

In Italia, ma anche all’estero, sono disponibili numerosi corsi per diventare Wedding Planner, ma è importante scegliere con attenzione quello più adatto alle proprie esigenze e soprattutto selezionare quelli seri poichè essendo una professione non regolamentata è facile imbattersi in corsi poco seri e non all’altezza.

Come iniziare

La parte più difficile dell’attività della Planning Planner è certamente quella di trovare clienti disposti a farsi organizzare il matrimonio. L’ideale è quello di iniziare a farsi conoscoscere, magari aiutando amici e conoscenti nell’organizzazione del proprio matrimonio a titolo gratuito. I primi eventi possono risultare utili per mettere in pratica le prime idee e scattare foto da mostrare ai primi clienti.

Tenersi aggiornati

Dato che si tratta di una professione in grande crescita, giunta in Italia dall’estero, è fondamentale aggiornarsi costantemente. Il web rappresenta una grande risorsa per recuperare nuove idee che spesso devono ancora arrivare in Italia ma che all’estero sono già utilizzate dalle Wedding Planner. Sono centinaia i siti web specializzati nel settore con cui arricchire il proprio bagaglio culturale da mettere in pratica con i propri clienti.

Farsi un sito web

Lo strumento principale per acquisire visibilità è sicuramente il proprio sito web. Il consiglio è quindi di realizzarlo da sè, se si è in grado, oppure affidarsi ad un professionista in grado di creare un sito web di ottima qualità. Si tratta di un piccolo investimento assolutamente necessario, con il quale col tempo potranno anche essere acquisiti nuovi clienti.

Alcuni consigli per il sito web: è importante metterci la faccia, quindi non abbiate paura a mostrare chi siete e come lavorate. Il vostro sito internet è uno strumento fondamentale per mostrare ai potenziali clienti i servizi che offrite, la vostra preparazione e gli ultimi eventi organizzati. Foto e video pubblicati sul sito dovranno essere di buona qualità, evitare immagini riprese con cellulari amatoriali.

I guadagni

Il costo del Wedding Planner per i futuri sposi è spesso uno dei motivi che frenano i clienti nel rivolgersi a tali figure. Chi inizia adesso ovviamente dovrà offrire servizi a pressi competitivi per riuscire ad entrare nel mercato ed ottenere la fiducia dei propri clienti. Una Wedding Planner può guadagnare mediamente dai 1.000 fino anche a 5.000 euro per l’organizzazione di un matrimonio completo, ma si tratta di cifre indicative poichè i servizi vanno dalla semplice consulenza sui fiori, all’organizzazione totale di tutti gli aspetti di un matrimonio per cui le cifre potrebbero essere anche superiori

Altro aspetto riguardante i guadagni è quello relativo ai fornitori. La Wedding Planner potrà ad esempio, per offrire prezzi più competitivi ai futuri sposi, percepire un guadagno dai fornitori, facendosi retrocedere una percentuale sull’acquisto dei fiori, sul prezzo del ristorante, sul noleggio dell’auto per gli sposi, etc. Insomma per guadagnare come Wedding Planner bisogna certamente darsi da fare, stringere legami con liste di fornitori, usare il passa parola tra amici e conoscenti, ed essere sempre professionali con tutti.

Leave A Reply