La disoccupazione: cosa fare e come affrontare la perdita di lavoro

Uno dei momenti più difficili che spesso capita di dover affrontare nella vita è perdere il posto di lavoro. Quando ci si ritrova senza una occupazione, iniziano a crollano tutte le certezze e le sicurezze, gli equilibri si sfaldano, si viene assaliti da dubbi e paure.

È un periodo complicato che getta nello sconforto e nella disperazione soprattutto le persone più fragili, incapaci di trovare la forza per rimettersi in gioco. Tristezza e apatia, frustrazione e avvilimento sono gli stati d’animo che accumunano tutti i disoccupati.

Uno studio americano rivela che la disoccupazione può avere gravi implicazioni psicologiche e portare a radicali trasformazioni del proprio carattere. Quindi è importante trovare il coraggio di reagire e di non farsi
sopraffare dal pessimismo.

Come affrontare la disoccupazione

Per affrontare la disoccupazione nel miglior modo possibile senza perdere la stima di se stessi, è importante mantenersi attivi e cercare di creare una routine simile a quella di quando si andava a lavoro. È fondamentale anche avere un atteggiamento positivo che vi aiuterà a superare indenni questo brutto momento.

Altri consigli che vogliamo darmi su come affrontare la disoccupazione sono:
non rimanere passivi, ma agire e darsi da fare, dedicandosi a una qualsiasi attività che vi faccia stare bene.
aumentare le proprie competenze e conoscenze, in modo da poter cercare una nuova occupazione,
anche in altri campi, diversi dal proprio, e aumentare così le opportunità di lavoro,
sviluppare i propri punti di forza,
coltivare le relazioni e svilupparne di nuove, in modo da acquisire un ruolo sociale importante,
credere nelle proprie capacità.

Quello che invece vi suggeriamo di fare concretamente è creare prima un curriculum su misura, in grado di comunicare chi siete, senza dire falsità sulle vostre esperienze, e poi rivolgervi alle agenzie del lavoro della vostra città. Potete visitare anche i siti dedicati alle offerte di lavoro oppure digitare sui motori di ricerca le parole “cerco lavoretto” per accedere a migliaia di annunci di lavoro. Contattare amici e parenti e chiedere loro se conoscono datori di lavoro interessati ad assumere personale è un buon modo per estendere le occasioni e le opportunità lavorative.

Vi consigliamo infine anche di non escludere la possibilità di cambiare città e trovare lavoro in centri più industrializzati e metropolitani. Purtroppo in questi ultimi tempi trovare lavoro è sempre più difficile e quindi bisogna essere disposti a volte a fare sacrifici e rinunce per ottenere ciò che si desidera.

Cose da fare durante la disoccupazione

Il periodo di disoccupazione potrebbe sfortunatamente essere anche molto lungo, quindi è importante impiegare il tempo che si ha a disposizione per fare cose utili e ingegnose. Per esempio potete seguire corsi di formazione, per tenervi aggiornati e accrescere le vostre specializzazioni, oppure creare un blog inerente alla vostra professione, che vi permetterà di pubblicizzare voi e le vostre capacità, e in cui parlare di ciò che conoscete bene.

Un’idea intelligente potrebbe essere quella di cercare un lavoro temporaneo, magari part time o da svolgere a casa, per mettere qualche soldo da parte e investire nel proprio futuro. Fate esperienze che possano arricchire il vostro bagaglio culturale e favorire la vostra crescita personale.

Potete seguire corsi di lingue e di informatica per migliorare le vostre conoscenze, oppure leggere manuali che vi aiuteranno a inserirvi nuovamente nel mondo del lavoro dandovi consigli efficaci per superare un
periodo difficile.

Imparate a guardare al vostro passato non con nostalgia e rimpianto ma con positività e orgoglio, traete insegnamento dai vostri errori e non smettete di credere nel futuro.

Richiedere l’indennità di disoccupazione, come e quando farlo

Un’altra cosa importante da fare durante la disoccupazione, un passo che vi potrebbe aiutare a ritrovare un pò di serenità, è presentare la domanda di disoccupazione per ricevere l’indennità, chiamata dal 2015 Naspi, cioè Nuova Associazione Sociale per l’Impiego.

Il sussidio di disoccupazione spetta a tutti i lavoratori che hanno perso involontariamente il lavoro, ad eccezione degli operai agricoli e dei dipendenti delle pubbliche amministrazione con contratto a tempo
indeterminato. Può essere chiesto anche dai lavoratori licenziati per motivi disciplinari e dalle lavoratrici che si sono dimesse volontariamente durante la maternità, o che sono state costrette a farlo.

Inoltre se siete in possesso dello stato di disoccupazione e avete maturato almeno 30 giorni di lavoro effettivo e 13 settimane di contribuzione negli ultimi 4 anni, potete rivolgervi a un qualsiasi patronato e fare domanda di disoccupazione. Ricordatevi di non far passare più di 68 giorni dalla perdita del lavoro, perché altrimenti la domanda non sarà più valida.

Ricevere l’indennità di disoccupazione non è certo come avere un lavoro ma almeno vi permetterà di percepire un sussidio utile per affrontare le spese quotidiane, un aiuto economico da cui ripartire per ricostruire la vostra vita.

Lascia un commento

Top