Il Jobs Act funziona: aumentano le assunzioni stabili

0

Finalmente il mercato del lavoro in Italia si sta riprendendo; nei primi due mesi del 2015 si è registrato un’incremento dei contratti di lavoro di +154 mila rispetto al 2014, segno che il Jobs Act sta dando i frutti sperati. Ad averne beneficiato di più per il momento sono le piccole imprese e i giovani under 35, le categorie più critiche e che più necessitavano di maggiori benefici.


I nuovi contratti di lavoro sono quindi in netta crescita rispetto all’anno passato, merito appunto del Jobs Act del governo Renzi; non tanto per i nuovi contratti a tutele crescenti entrati da poco in vigore, ma soprattutto per gli sgravi contributivi ai datori di lavoro per le assunzioni a tempo indeterminato effettuate nel 2015. Gli incentivi previsti dalla Legge di Stabilità permettono infatti lo sgravi contributivo Inps per i primi 3 anni di contratto, un fattore non da poco per incentivare le aziende a creare nuovi posti di lavoro.

I contratti a tempo indeterminato infatti sono circa 79 mila, ossia il 35% in più rispetto allo stesso bimestre di inizio 2014, segno che il mercato del lavoro ha recepito positivamente l’impegno del governo ad incentivare le assunzioni e far ripartire un mercati in crisi da troppi anni. Aumentano quindi le possibilità di essere assunti con un contratto stabile, adesso bisognerà aspettare di vedere come il mercato risponderà ai nuovi contratti a tutele crescenti da poco ufficializzati dal governo.

Leave A Reply