Gruppo FCA: 400 nuove assunzioni Fiat a Melfi

0

Il successo di vendite della Jeep Renegade e della Fiat 500X sta portando numerosi benefici allo stabilimento Fiat di Melfi: sono previste infatti 400 nuove assunzioni che dovrebbero concludersi entro il mese di luglio. Si tratta di assunzioni necessarie per mantenere alta la produzione delle due vetture che stanno avendo un numero di domande di gran lunga superiore alle attese.

Successo di vendite e assunzioni a Melfi

Il Gruppo FCA quindi ha intenzione di incrementare la produzione di 500X e Renagade, soprattutto in relazione all’espensione delle vendite nel Nord America. I 400 prossimi assunti si aggiungeranno alle circa 1500 risorse inserite nello stabilimento lucano nei mesi scorsi, confermando un processo di crescita di assoluta rilevanza sia per il marchio che per la zona di Melfi.

Le nuove assunzioni di Fiat a Melfi sono legate oltre che al successo dei modelli prodotti, soprattutto al passaggio ai 20 turni di lavoro settimanali, una scelta obbligata per far fronte alla grande richiesta in Italia e all’estero. La massiccia domanda ha portato alla sospensione temporanea delle consegne della Jeep Renegade, per cui è evidente la necessità di tenere alti i ritmi produttivi inserendo anche nuove risorse nello stabilimento lucano. In particolare la Jeep Renegade punta a raggiungere le 200 mila unità vendita in Europa entro il 2018, mentre la Fiat 500X è già diventata il modello più venduto in Italia nel mese di Aprile.

Ritorno alla produzione a Cassino

Fiat ha inoltre dato il via ai lavori di produzione della nuova Alfa Romeo Giulia, con il ritorno all’attività di produzione nello stabilimento di Cassino che rivestirà un ruolo fondamentale anche per la crescita dello stabilimeno di Melfi.

Informazioni ufficiali

Al momento quindi siamo tutti in attesa di nuove informazioni ufficiali sulle prossime opportunità di lavoro presso lo stabilimento Fca di Melfi; nei prossimi giorni se ne saprà sicuramente di più e non mancheranno aggiornamenti.

Comments are closed.