Lavoro in Foodora: posizioni aperte, consigli e informazioni

0

foodoraNonostante le numerose polemiche e proteste sulle retribuzioni dei ciclisti, Foodora continua a crescere in Italia.

L’azienda di origine tedesca intende portare i propri servizi di trasporto cibo in due nuove città del centro nord, che si aggiungeranno a Torino, Milano, Firenze e Roma. Ciò porterà alla creazione di nuovi posti di lavoro sia in ambito amministrativo, commerciale e operativo.

L’AZIENDA

Foodora GmbH è un’azienda tedesca con sede a Berlino operante nelle consegne di pasti a domicilio provenienti da oltre 6500 ristoranti selezionati in 10 paesi. Il servizio offerto è molto semplice: gli utenti utilizzano l’apposita App per dispositivi mobili o il sito web dell’azienda, per effettuare i propri ordini nei locali di proprio interesse e ricevere la consegna al proprio indirizzo, effettuata dai rider di Foodora.

NUOVE APERTURE FOODORA

Come confermato da Gianluca Cocco, managing director di Foodora Italia, la società è pronta a due nuove aperture in città del centro nord. Tra queste pare molto probabile Bologna, ma non sono state fornite informazioni più precise.

I servizi sono da tempo in grande espansione, grazie ad accordi con nuovi ristoranti di fascia alta, pizzerie, etnici e l’inserimento del servizio take away per il ritiro dei pasti direttamente nel ristorante scelto, nonché l’utilizzzo di motorini a Roma, in aggiunta alle consegna su bici.

Ricordiamo che Foodora ha coinvolto nei propri servizi per 1.300 ristoranti nelle quarto città in cui è operativo il servizio, di cui ben 400 a Torino, proprio dove è scoppiata la polemica sulle retribuzioni, prima calcolate su base orario e ora legata al numero di consegne.

Per l’apertura dei servizi Foodora nelle prossime due città ci saranno quindi nuove opportunità di lavoro per Rider, oltre che altre figure. Ecco qualche informazione in più su tale mansione.

LAVORO PER RIDER

Il lavoro di Rider in Foodora è rivolto principalmente a giovani studenti o per vuole arrotondare le proprie entrate provenienti da altre mansioni. I collaboratori addetti alle consegne hanno generalmente un’età compresa tra i 22 e i 28 anni, anche se non mancano le opportunità per ciclisti più avanti con l’età, magari disoccupati.

I rider percepiscono una retribuzione di 3,60 euro netti per consegna, per una media di 2,2 consegne all’ora, concentrate negli orari  tra le 13 e le 14 e tra le 19 e le 21,30. I periodi di maggior lavoro sono certamente i mesi autunnali e invernali quando il tempo spinge a nn uscire spesso di casa, ma anche le sere d’estate quando sono numerosi gli ordini per dolci e gelati.

POLEMICHE SUI CONTRATTI

E’ bene specificare, a seguito delle recenti polemiche, che il ruolo di rider è obiettivamente incompatibile con un contratto a tempo indeterminato come molti lavoratori auspicavano. L’impegno è infatti variabile a seconda delle consegne, che comunque possono anche essere rifiutate dai rider o mancate dopo aver dato la disponibilità, con conseguente rischio per l’azienda di dover risarcire il ristorante od offrire un bonus al cliente anche per il ritardo nella consegna.

ALTRE POSIZIONI APERTE

Ecco l’elenco di tutte le figure ricercate al momento da Foodora in Italia:

Customer Happiness

  • Customer Happiness Agent, Milano

Finance

  • Accounting Intern, Milano

Human Resources

  • Intern Content Editor Tirocinio Curriculare, Milano

Key Account Management

  • IT – Business Development Intern, Firenze
  • IT – Business Development Intern, Milano

Operations

  • Foodora rider, Roma, Milano, Torino, Firenze
  • Operations Intern, Milano

Sales

  • Sales Representative, Ancona, Ancona, Bari, Bologna, Firenze, Genova, Napoli, Padova,Palermo, Rimini, Roma, Torino, Verona
  • Senior Sales Representative, Roma

COME CANDIDARSI

Se avete intenzione di candidarvi alle offerte di lavoro disponibili in Foodora, dovete collegarsi al sito dell’azienda all’indirizzo https://www.foodora.it/contents/jobs, da cui compilare l’apposito form online in risposta agli annunci di vostro interesse.

Leave A Reply