Curriculum vitae: perche viene scartato e in quanto tempo?

1

curriculum vitaeLo screening dei curriculum vitae è il sistema principale utilizzato da aziende e datori di lavoro per effettuare una prima selezione dei candidati per un posto di lavoro. E’ quindi fondamentale che tale prezioso testo venga redatto in maniera corretta, chiara e precisa, per evitare di essere scartati alla prima scrematura. Sapete quanto impiega un selezionatore per scartare un curriculum e quali sono i motivi che portano a tale eliminazione?

POCHI SECONDI PER CURRICULUM

Quello che in molti non sanno è che un selezionatore impiega mediamente 10/15 secondi per scartare un curriculum. E’ evidente che in un tempo così breve è impossibile leggere interamente un Cv, per cui è facile capire che è fondamentale realizzare un curriculum che sappia colpire e mettere in risalto le informazioni fondamentali per il lavoro per cui ci si candida.

TANTI CV INVIATI, NESSUN CONTATTO

Tante persone lamentano di aver inviato migliaia di curriculum e non aver mai ottenuto risposta. Perché avviene questo, nonostante si ritenga di avere tutte le carte in regola per il ruolo offerto dall’azienda? Nella maggior parte dei casi ci sono evidenti errori nella redazione del curriculum che portano il selezionatore ad eliminare il candidato senza necessità di approfondire ulteriormente le competenze ed esperienza dichiarate dallo stesso nel cv.

E’ bene ricordare che i selezionatori sono spesso abituati a leggere una grande quantità di curriculum al giorno per cui alla prima scrematura verranno eliminati quelli che a prima vista presentano grossolani errori. Sappiate comunque che un buon curriculum vitae non garantisce l’assegnazione del posto di lavoro, ma permette per lo meno di giocarsi le proprie carte con gli altri candidati a livello di esperienze, competenze e capacità, superando così la prima fase di selezione veloce.

GLI ERRORI ASSOLUTAMENTE DA EVITARE

Vediamo quindi quali sono gli errori commessi più frequentemente nella redazione del proprio curriculum vitae che portano ad una eliminazione certa alla prima lettura del cv:

  1. Curriculum confuso e poco preciso: il cv deve avere un’impostazione chiara, con una grafica curata e una struttura coerente. Il consiglio è quello di dividere in sezioni distinte i dati personali, le esperienze professionali, il campo istruzione e formazione, le competenze linguistiche e informatiche. E’ bene essere molto precisi nell’inserimento dei propri recapiti in modo che il selezionatore possa mettersi in contatto con voi facilmente e senza perdite di tempo.
  2. Errori di grammatica o scrittura: presentare un curriculum con errori di scrittura è forse il peggior errore che si possa commettere; mostrare incertezze e scarsa padronanza della lingua italiana è uno dei principali motivi di eliminazione di un candidato. Il consiglio è quello di rileggerlo più volte e farlo leggere anche ad altre persone che potrebbero notare errori a voi sfuggiti.
  3. Competenze non veritiere: le bugie hanno le gambe corte e attribuirsi competenze e conoscenze che non si possiedono porterà certamente a fare brutte figure in sede di colloquio e porre rimedio è certamente impossibile ad errore commesso. Siate quindi più onesti possibili e dichiarate solo ciò che possedete e conoscete.
  4. Più curriculum per più offerte di lavoro: questo è un’aspetto fondamentale; il cv va adattata all’annuncio e all’azienda a cui si intende inviarlo. Mai utilizzare un’unico curriculum per tutti gli annunci di lavoro di proprio interesse; esso va realizzato mettendo in evidenza le informazioni che possono più colpire il selezionatore di quel determinato tipo di lavoro e di azienda.
  5. Curriculum troppo lungo: la lunghezza ideale di un curriculum è di due pagine, come dichiarato dalla maggio parte dei selezionatori. Evitate quindi cv molto lunghi che annoiano, ma anche troppo brevi che non forniscono le informazioni necessarie per colpire il selezionatore.
  6. Formati strani o foto sconvenienti: il curriculum deve mostrarsi professionale e di facile lettura, per cui cercate di schematizzare le informazioni e non utilizzate formati “fantasiosi” che possono anche colpire ma rendono il cv poco serio. Attenzione anche alla foto utilizzata; evitate foto in situazioni di svago o vacanza, meglio inserire una foto in formato tessera o comunque simile a quelle utilizzate per altri documenti ufficiali.
© RIPRODUZIONE RISERVATA – E’ VIETATA QUALSIASI FORMA DI RIPRODUZIONE DEI CONTENUTI.

1 commento

  1. Pingback: Assunzioni Hermès in Italia: posizioni aperte | NewsLavoro 360°

Leave A Reply