Continental Brakes, 100 assunzioni a Cairo Montenotte

0

La Continental Brakes ha annunciato 100 nuove assunzioni Cairo Montenotte.continental

L’azienda tedesca offrirà presto nuovi posti di lavoro grazie ad un nuovo brevetto e al contributo della Regione Liguria, territorio su cui il gruppo ha da tempo dimostrato di puntare molto per la propria crescita globale.

Vediamo qualche dettaglio in più sulle opportunità di lavoro in arrivo nello stabilimento savonese di Continental Brakes.

INVESTIMENTI PER NUOVO SISTEMA FRENANTE

Continental Brakes Italy Spa intende quindi investire circa 24 milioni e 450mila euro per lo sviluppo del progetto di nuovo sistema di frenata a tamburo ad attuazione elettrica che verrà realizzato nello stabilimento di Cairo Montenotte.

Anche la Regione Liguria contribuirà al progetto: nel dicembre 2014 la Continental e la giunta guidata da Claudio Burlando firmarono un’accorso che assegnava all’azienda ben 7 milioni di euro di fondi europei grazie al bando Pos-Fesr 2014-2020 per lo sviluppo produttivo, in cambio di 130 assunzioni già in parte effettuato nel biennio 2015-2016.

Il finanziamento è stato confermato dall’attuale che ha dato il via libera alla prima tranche di finanziamento. Grazie allo sviluppo di questo nuovo progetto di freno a tamburo, Continental potrà aumentare la propria competitività sul mercato, permettere il reinserimento dei lavoratori in cassa integrazione e l’assunzione di nuove risorse in Liguria.

NUOVI POSTI DI LAVORO

Secondo le stime dell’azienda saranno effettuate circa 100 nuove assunzioni, che riguarderanno le figure di  tecnici, personale qualificato e addetti alla produzione, che si aggiungeranno ai 408 lavoratori, tra diretti e indiretti, occupati nello stabilimento di Cairo Montenotte.

COME CANDIDARSI

Tutti gli interessati alle future opportunità di lavoro in Continental Brakes a Cairo Montenotte possono per il momento inviare il proprio curriculum tramite la sezione “Careers” del sito ufficiale dell’azienda www.continental-corporation.com.

Leave A Reply