Maxi concorso unico nazionale per Giovani nella PA

0

concorso unico nazionale, pubblica amministrazione, assunzioni pubblica amministrazione, concorso pubblico impiego, Il Governo annuncia un maxi concorso unico nazionale per la copertura di migliaia di posti di lavoro nella Pubblica Amministrazione.

E’ allo studio, come confermato dal Ministro Madia, un bando unico triennale con cui verranno sostituti ben 500mila dipendenti pubblici che andranno in pensione nei prossimi quattro anni. Il Governo infatti mira ad effettuare un grande ricambio generazionale, favorendo l’occupazionale giovanile, dopo un’attenta analisi dei fabbisogni e delle figure professionali necessarie alle amministrazioni centrali, come Ministeri, Inps e Inail.

Ecco tutto quello che c’è da sapere sulle prossime assunzioni nella Pubblica Amministrazione e sul maxi concorso in arrivo

ASSUNZIONI PER GIOVANI NEL PUBBLICO IMPIEGO

Secondo quanto riportato da diverse testate giornalistiche, è al vaglio del Governo un maxi concorso per migliaia di assunzioni di dipendenti pubblici. Le assunzioni si rendono infatti necessarie per sopperire alle numerose uscite di personale che nei prossimi 4 anni andrà in pensione.

Il maxi concorso dovrebbe essere indetto nel giro di qualche anno, come dichiarato dal sottosegretario al Ministero della Semplificazione e Pubblica amministrazione Angelo Rughetti, in occasione di un intervento durante lo svolgimento della Festa dell’Unità a Roma.

Parlando di numeri, i lavoratori della PA che andranno in pensione nei prossimi anni sono circa 500mila. Questa sarà l’occasione giusta per eventualmente anticipare le uscite ed indire un nuovo bando rivolto principalmente all’inserimento di giovani nelle Pubbliche Amministrazioni.

ASSUNZIONI DA PROGRAMMARE

Il nuovo maxi concorso pubblico sarà indetto nei prossimi anni, dopo che sarà analizzato il reale fabbisogno delle amministrazioni, in modo da stabilire numeri e profili necessari. E’ necessario infatti programmare con precisione le prossime assunzioni, calcolando la spesa totale da sostenere.

L’obiettivo del governo è certamente quello di abbassare l’età media dei dipendenti pubblici, che si attesta oggi a 50 anni d’età. L’inserimento di nuove leve sarà possibile grazie al Decreto Legislativo del Ministro Madia, che con modifiche e integrazioni al Testo Unico del Pubblico impiego eliminerà il criterio del turnover, introducendo quello della sostenibilità finanziaria; in questo modo saranno privilegiate le nuove entrate di personale rispetto al ricambio tra entrate e uscite.

GIA’ 2MILA ASSUNZIONI APPROVATE

Ricordiamo che il nuovo programma di assunzioni nella Pubblica Amministrazione, segue la recente autorizzazione dello scorso aprile allo sblocco di 2mila assunzioni presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, diversi Ministeri e altre amministrazioni pubbliche. Le assunzioni, come annunciato, verranno effettuate sia tramite lo scorrimento delle graduatorie esistenti sia con procedure di mobilità e nuovi concorsi in arrivo.

Leave A Reply