Concorso ATA: il Modello D3 per la scelta delle scuole

0

ataFino al 15 novembre 2014 alle ore 14:00 è possibile inviare online il Modello D3 per la scelta delle scuole relativamente al concorso Ata 2014. A causa del sovraccarico infatti il servizio era stato precedentemente sospeso, ma adesso è possibile presentare l’istanza online per chi non fosse ancora riuscito nell’operazione online.

Il Miur ha già reso pubbliche le istruzioni operative per i candidati che vorranno accedere alle graduatorie di circolo e di istituto di III fascia relative alle supplenze nella scuola. Vediamo i dettagli di tale procedura.

Istruzioni operativi del Miur

Per la scelta delle sedi scolastiche per il personale ATA si dovrà utilizzare l’Allegato D3 disponibile dal 6 Ottobre 2014 e presentabile fino al 15 Novembre 2014. La domanda di partecipazione al concorso Ata (tramite modello D1 o D2) doveva essere presentata entro l’8 Ottobre.

Presentare il Modello D3

Ecco le informazioni principali da tenere in considerazione prima di presentare il Modello D3 tramite procedura online:

  • per la scelta delle scuole è necessario registrarsi al sito delle istanze online e seguire la procedura “inserimento modello D3″;
  • ogni candidati potrà scegliere un massimo di 30 scuole come preferenze di lavoro, ma esse devono appartenere alla stessa provincia. Con l’invio della domanda online non sarà necessario presentare la stessa anche in formato cartaceo;
  • se il candidato non presentasse il Modello D3 tramite istanza online, allo stesso verrà attribuita come sede scolastica quella presso cui ha presentato il modello D1 o D2;
  • devono presentare il Modello D3 anche le persone che sono già incluse nella terza fascia delle graduatorie ATA di circolo e di istituto dei precedenti 3 anni di validità, per poter essere inclusi nelle nuove graduatorie.

Acquisizione domande

Sul portale dei servizi Sidi sono disponibili le funzioni per l’acquisizione delle domande da parte delle istituzioni scolastiche competenti, come comunicato ai Direttori Generali degli U.S.R. e ai Dirigenti degli Uffici Scolastici Regionali.

Leave A Reply