Concorsi INPS per Praticanti Avvocati in tutta Italia

0

praticanti avvocatiL’INPS ha indetto nuovi concorso pubblici per laureati in Giurisprudenza, per lo svolgimento della pratica forense presso le Avvocature Territoriali dell’Inps presenti in tutta Italia. Tale periodo di pratica è infatti fondamentale per l’ammissione all’esame di abilitazione professionale. Ecco maggiori dettagli e come candidarsi entro il 20 Luglio 2016.

BANDI INPS PER PRATICANTI AVVOCATO

L’ Istituto Nazionale Previdenza Sociale permetterà quindi a 220 candidati laureati di svolgere la pratica forense presso gli Uffici Legali di Istituti presenti in diverse Regioni d’Italia. I candidati vincitori godranno di un rimborso spese mensile di 450 euro per tutta la durata della pratica forense.

Durante il periodo di pratica forense, della durata massima di 12 mesi, i praticanti verranno affiancati da un Avvocato dell’Inps e si occuperanno della stesura di atti e pareri con relative ricerche di dottrina e giurisprudenza, parteciperanno ad udienze giudiziali in affiancamento agli Avvocati dell’Istituto.

POSTI DISPONIBILI

I posti a concorso sono i seguenti:

  • Avvocatura centrale: 7 posti;
  • Abruzzo: 5 posti;
  • Basilicata: 6 posti;
  • Calabria: 8 posti;
  • Campania: 46 posti;
  • Emilia Romagna: 18 posti;
  • Friuli Venezia Giulia: 2 posti;
  • Lazio: 15 posti;
  • Liguria: 6 posti;
  • Lombardia: 10 posti;
  • Molise: 4 posti;
  • Piemonte – Valle d’Aosta: 3 posti;
  • Puglia: 21 posti;
  • Sardegna: 4 posti;
  • Sicilia: 38 posti;
  • Toscana: 9 posti;
  • Trentino Alto Adige (italiano: 1 posto;
  • Umbria: 5 posti.
  • Veneto: 12 posti.

REQUISITI

Per candidarsi ai bandi Inps per praticanti avvocati è necessario essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana o di uno Stato membro dell’Unione Europea;
  • essere in possesso dei requisiti richiesti per l’iscrizione nel registro dei praticanti Avvocati tenuto dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati presso il Tribunale nel territorio del cui circondario si trova l’Ufficio legale dell’I.N.P.S. indicato nella domanda di pratica;
  • se già iscritto nel registro dei praticanti presso il Consiglio dell’Ordine, non avere una anzianità di iscrizione superiore a 6 (sei) mesi;
  • Laurea in giurisprudenza;
  • iscrizione presso le liste elettorali del proprio Comune;
  • non avere riportato condanne penali e non avere procedimenti penali in corso;
  • non avere giudizi in corso contro l’Istituto, né in proprio né in qualità di difensore di terzi;
  • non trovarsi in situazioni di potenziale e/o reale conflitto di interessi con l’Istituto;
  • non svolgere o aver svolto incarichi in enti di diritto privato regolati o finanziati dalla P.A.;
  • possedere le necessarie conoscenze per l’utilizzo del personal computer, dei programmi di scrittura, della posta elettronica nonché per effettuare tramite internet ricerche normative e giurisprudenziali.

SELEZIONI

Le selezioni avverranno tramite il giudizio espresso da un’apposita Commissione, che selezionerà i candidati sulla base dei titoli presentati, del voto di laurea e della media dei voti riportati nelle materie di Diritto civile, Procedura Civile, Diritto Amministrativo, Diritto Penale, Procedura Penale, Diritto del Lavoro.

DOMANDE DI PARTECIPAZIONE

I candidati dovranno inviare le domande di ammissione alle selezioni per praticanti avvocato entro le ore 14:00 del 20 Luglio 2016, esclusivamente tramite l’apposita procedura online disponibile sul sito Inps.

Tutte le informazioni sui bandi di concorso sono consultabili all’interno della sezione Concorsi del sito ufficiale INPS.

Leave A Reply