Assunzioni Kiko per chi cerca lavoro nel Make Up

0

Vi piacerebbe lavorare nel mondo del Make Up? Kiko Milano, insegna del gruppo Percassi, offre nuove opportunità di lavoro per store manager e addetti/e vendita da inserire all’interno di numerosi negozi. Ecco maggiori dettagli sulle posizioni aperte e come candidarsi.

Lavoro in Kiko

Kiko offre nuove opportunità di lavoro per store manager e addetti alle vendita in diversi punti vendita. Le ultime posizioni aperte nel mese di giugno prevedono la selezione di Store Manager per i punti vendita di Ancona, Macerata, Senigallia (AN), Brescia e Conegliano Veneto: per il ruolo si richiede il possesso di un’esperienza pregressa nel ruolo di 3/5 anni, preferibilmente di provenienza dal settore cosmesi e/o profumeria, ed un’ottima conoscenza della lingua inglese.

Kiko ricerca inoltre addetti alle vendite per i negozi di Milano Marittima, Riccione, Bologna e Firenze; in particolare si selezionano persone positive, con forte forte propensione al contatto con il pubblico ed orientamento commerciale, che si occuperanno di vendita assistita, prove trucco alle clienti, gestione del magazzino ed immagine del punto vendita. I candidati selezionati dovranno preferibilmente avere un’ampia flessibilità oraria e disponibilità a turni serali e nel fine settimana, passione per l’universo del beauty e competenze di trucco e make up.

L’azienda

Kiko Make Up Milano è un’azienda del Gruppo Percassi fondata nel 1997, che produce e commercializza articoli di cosmetica professionale, linee di make up, trattamenti viso e corpo. Kiko commercializza prodotti di altissima qualità, sicuri ed efficaci, non solo in Italia ma anche all’estero in particolare Spagna, Francia, Germani, Inghilterra e Svizzera dove conta oltre 500 punti vendita.

Come candidarsi in Kiko

Gli interessati alle offerte di lavoro in Kiko possono candidarsi collegandosi alla pagine dedicata alle posizioni aperte del sito ufficiale dell’azienda da cui rispondere agli annunci di lavoro di proprio interesse.

Share.

Leave A Reply