Assunzioni 2015: le agevolazioni per i datori di lavoro

0

Il 2015 è partita con le importanti novità introdotte dalla Legge di Stabilità sulle assunzioni agevolate per i datori di lavoro: essi potranno usufruire degli sgravi contributivi per quelle assunzioni che avverranno con contratti di lavoro a tempo indeterminato. E’ attesa la Circolare dell’Inps affinchè gli sgravi diventino operativi.

Sgravi dei versamenti Inps per i primi 3 anni

I datori di lavoro che a partire dal 1° gennaio 2015 fino al 31 dicembre assumeranno dipendenti a tempo indeterminato, usufruiranno di uno sconto dei contributi Inps per una durata di 3 anni, per un massimo di 8.060 euro l’anno. Tale bonus è utilizzabile anche per assunzioni di dipendenti da stabilizzare già presenti in azienda, ossia trasformazioni di contratti a termine o a progetto in contratti a tempo indeterminato.
Il bonus è relativo ai soli contribuiti Inps, quindi rimangono a carico del datore di lavoro i premi Inail e le quote di TFR. Ne sono esclusi i contratti di lavoro domestici e gli apprendisti; il bonus non è inoltre cumulabile con altri esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento previsti dalla normativa vigente. Il settore agricolo è escluso tale tale sistema poichè per esso verrà istituito un sistema a “domanda”.

Quali lavoratori rientrano negli sgravi

I datori di lavoro potranno assumere dipendenti usufruendo degli sgravi Inps per i primi 3 anni, a patto che il lavoratore non abbia avuto nei 6 mesi precedenti all’assunzione rapporti di lavoro a tempo indeterminato, oppure che non abbia avuto nei 3 mesi precedenti al 1° gennaio 2015 un contratto a tempo indeterminato con lo stesso datore che effettua l’assunzione agevolata, anche tramite aziende collegate.

Share.

Leave A Reply