Aranzulla.it: lavoro da casa per Redattore web

0

redattore webChi naviga sul web non può non conoscere Salvatore Aranzulla e il suo sito web Aranzulla.it.

Effettuando ricerche sul web, soprattutto per argomenti in ambito informatico, è facile imbattersi in questo sito internet in grado di rispondere alla maggior parte domande più diffuse in maniera chiara ed efficace, con spiegazioni adatte quindi ad un pubblico spesso inesperto.

Il portale del giovane catanese, divenuto uno dei 30 siti internet più visitati d’Italia e primo nel segmento Computer News, offre un’interessante opportunità di lavoro per un redattore freelance che potrà collaborare col famoso portale. Ecco tutte le informazioni utili e come candidarsi a diventare collaboratore.

LAVORO PER ARANZULLA.IT: REDATTORE WEB

Aranzulla.it è alla ricerca di un collaboratore esterno, che lavorerà da casa in ritenuta d’acconto per diritti d’autore o partita IVA. Non si tratta quindi di un’assunzione vera e propria ma di una collaborazione per la produzione di articoli da pubblicare su portale in qualità di redattore freelance.

La collaborazione con la Aranzulla Srl  è di tipo continuativo, con la società che si impegnerà ad acquistare un certo numero di articoli ogni mese, garantendo così un’entrata sicura per tutta la durata del rapporto di collaborazione. La remunerazione è ovviamente legata alla qualità degli articoli prodotti, con pagamento che verrà mensilmente tramite bonifico bancario.

REQUISITI EDITORIALI DEGLI ARTICOLI

Il redattore selezionato per Aranzulla.it dovrà rispettare elevati requisiti editoriali, fondamentali per la pubblicazione degli articoli. Ecco quali:

– Gli articoli devono avere una lunghezza minima di 10.000 caratteri spazi inclusi e devono essere arricchiti da screenshot per facilitare la comprensione del contenuto da parte dell’utente.

– Gli articoli verranno pubblicati senza firma (il collaboratore agisce in qualità di ghost writer di Salvatore Aranzulla).

– Gli articoli devono essere originali, perciò non verranno pubblicati articoli presenti in altri siti e ovviamente copiati da altri portali, sia italiani che stranieri.

– Gli articoli prodotti per Aranzulla.it non possono essere pubblicati su altri siti poiché questi diventano di proprietà della Aranzulla Srl.

–  La scelta degli articoli viene fatta dentro un sistema proprietario, per cui non è richiesta inventiva nella produzione degli articoli.

– Gli articoli devono essere prodotti in ottica SEO, tenendo come riferimento utenti con conoscenze informatiche medio-basse.

– Gli articoli dovranno essere prodotti ed inseriti direttamente su WordPress, la piattaforma di pubblicazione utilizzata da Aranzulla.it.

COME CANDIDARSI AL RUOLO DI REDATTORE

Per candidarsi al ruolo del Redattore web è necessario affrontare i seguenti passaggi, necessari ad Aranzulla.it per valutare la scelta del candidato:

a. Scrittura di 1 articolo fra i seguenti titoli:

  • Come convertire MP3
  • Come testare ADSL
  • Come scaricare musica gratis
  • Come modificare foto
  • Musica gratis da scaricare
  • Come convertire MP4

L’articolo inviato, in formato Doc e Pdf e lungo 10mila caratteri spazi inclusi, deve individuare il problema in toni amichevoli nei primi tre paragrafi, mentre nella parte restante dell’articolo deve fornire la soluzione al problema.

Gli articoli devono essere scritti utilizzando come riferimento il sistema operativo Windows e, nel caso dei cellulari, Android e iPhone. Per la stesura dell’articolo è consigliata una lettura degli articoli pubblicati su Aranzulla.it al fine di coglierne lo stile editoriale.

b. Invio del curriculum e di eventuali articoli pubblicati in passato per testate editoriali di informatica.

c. Invio della lista dei dispositivi e delle piattaforme che si hanno a disposizione per la produzione degli articoli.

DOVE INVIARE I DOCUMENTI

I documenti necessari per candidarsi all’offerta di lavoro proposta da Aranzulla.it, quindi articolo, curriculum, lista dispositivi e piattaforme, devono essere inviati via email all’indirizzo lavoro@aranzulla.it.

Leave A Reply