Assunzioni in RAI: concorso per 100 giornalisti in arrivo

0

raiMolto interessante il prossimo concorso pubblico per l’assunzione di 100 giornalisti in RAI, Radiotelevisione italiana S.p.A.. Il bando di concorso sarà pubblicato entro il 24 febbraio 2014 sulla Gazzetta Ufficiale grazie all’accordo che l’Unione sindacale dei giornalisti Rai (Usigrai) ha siglato con l’azienda per la creazione di 100 nuovi posti di lavoro per Giornalisti cronisti.

Vediamo quali sono le informazioni principali raccolte sul nuovo bando RAI.

Requisiti di partecipazione

La selezione sarà aperta a tutti i giornalisti professionisti iscritti all’Ordine dei Giornalisti. Non è richiesta alcuna laurea particolare e non saranno imposti limiti d’età; i candidati saranno valutari attraverso titoli ed esami: si svolgeranno infatti prove per verificare le competenze dichiarate e saranno assegnati punteggi in base ai titoli posseduti.

Le prove d’esame

Circolano già le prime indiscrezioni sulle prove d’esame, nonostante il bando non sia ancora stato pubblicato: la prima prova dovrebbe consistere nella stesura di una notizia in formato Twitter (140 caratteri), mentre la seconda prova dovrebbe consistere in un test a risposta multipla di cultura generale ed una prova d’inglese.  La terza prova dovrebbe consistere nella stesura di un articolo per il Tg e uno per la radio, con relativa prova di speakeraggio per valutare la dizione e l’inflessione dialettale. La quarta prova invece probabilmente consisterà nella produzione e montaggio di un servizio audio video, strutturato per essere mandato in onda.

Graduatoria e assunzioni

La selezione finale prevederà la stesura di una graduatoria dei primi 100 giornalisti vincitori del concorso; tale graduatoria rimarrà valida 3 anni e la Rai potrà attingere da essa per assumere futuri giornalisti con contratti a tempo determinato.

Come candidarsi

Il bando per il momento non è ancora stato pubblicato, c’è tempo fino al 24 febbraio 2014, per cui oltre alla Gazzetta Ufficiale potete tenere d’occhio la sezione “lavora con noi” del sito RAI dove verrà pubblicato in concomitanza con l’uscita sulla G.U.

Leave A Reply